PRESTITO PER L’ACQUISTO ARREDAMENTO PER LA CASA

Consigli per ottenere il prestito per l’acquisto arredamento per la casa migliore

Il prestito arredamento casa è una tipologia di credito al consumo che spesso viene accostato al mutuo per la casa.
Quando acquistate una casa, attraverso un mutuo, il prestito arredamento casa permette di rateizzare la spesa per comperare mobili, complementi d’arredo, in un momento della vostra vita contraddistinto da spese consistenti.
Il prestito arredamento casa è un metodo di pagamento che permette di ottenere un finanziamento fino a un massimo di 30.000 euro, che può essere rateizzato per un periodo che va da un minimo di 24 mesi a un massimo di 120 mesi con un tasso d’interesse, solitamente fisso, di solito coincide con una rata mensile.
Per quanto riguarda il tasso annuo nominale del prestito arredamento può andare dal 7,00% e l’8,00%.
I prestiti arredamento casa possono essere erogati sottoforma sia di prestiti finalizzati sia in prestiti personali.
Il prestito finalizzato si basa sulla figura del convenzionato, ossia del rivenditore. Questo accordo con il rivenditore prevede una convenzione redatta con una banca oppure anche con una finanziaria, il commerciante propone al cliente dei mobili, dietro il compenso di una piccola commissione che in cambio si occupa di tutta la pratica e dei documenti.
Quando viene concesso il prestito e i soldi inviati al rivenditore di mobili, il cliente potrà iniziare a rimborsare il prestito attraverso delle rate concordate preventivamente.
Il prestito finalizzato non permette di confrontare delle offerte presenti sul mercato perché spesso il venditore ha un consenso di unicità con la finanziaria convenzionante.
Il prestito personale, il cliente avvia l’istanza di finanziamento presso l’istituto di credito, una volta ottenuto il nullaosta riceve direttamente la somma sul proprio conto corrente che poi verranno versati sul conto corrente del rivenditore di mobili, per pagare l’acquisto di mobili, complementi d’arredo per arredare la vostra nuova casa.
In seguito il cliente inizia il rimborso del prestito tramite l’uso di rate mensili concordate dal piano di ammortamento.
Questa tipologia di prestito personale permette di utilizzare la somma erogata in totale libertà da parte del cliente.
Inoltre, il prestito personale permette al cliente di poter cercare e trovare l’offerta di finanziamento migliore, ossia quella con il TAEG inferiore.
Qualsiasi prestito scegliete (finalizzato o personale) potete estinguere in anticipo il prestito ma dovrete pagare una penale che equivale a un massimo dell’1% dell’importo erogato.
Per concludere, nella legge finanziaria ci sono anche agevolazioni per le giovani coppie che vogliono comperare la prima casa (che deve risultare come prima casa, cioè residenza principale).

Si possono ottenere agevolazioni fiscali nella misura del 36% sull’Irpef  sia per comperare la prima casa, mobili e arredamento e ristrutturazioni.